CASTAGNO

CASTANEA SATIVA

E’ un’eccellente fonte di: vitamina C, vitamina B, proteine, Sali minerali, calcio e ferro. Ha inoltre un’ottima capacità antiossidante che sprigionata dalla notevole presenza di acido fenolico e presenta buone proprietà emollienti e lubrificanti, che lo rendono adatto a essere usato in caso di infezioni alle vie respiratorie. La presenza di oligoelementi, come potassio, magnesio e manganese, aiuta a migliorare e accelerare la circolazione sanguigna. Grazie alla sua concentrazione di minerali utile anche per migliorare il funzionamento dell’apparato digerente, in particolare fegato e stomaco.

CASTAGNO

CASTANEA SATIVA

E’ un’eccellente fonte di: vitamina C, vitamina B, proteine, Sali minerali, calcio e ferro. Ha inoltre un’ottima capacità antiossidante che sprigionata dalla notevole presenza di acido fenolico e presenta buone proprietà emollienti e lubrificanti, che lo rendono adatto a essere usato in caso di infezioni alle vie respiratorie. La presenza di oligoelementi, come potassio, magnesio e manganese, aiuta a migliorare e accelerare la circolazione sanguigna. Grazie alla sua concentrazione di minerali utile anche per migliorare il funzionamento dell’apparato digerente, in particolare fegato e stomaco.



DESCRIZIONE DELLA SPECIE

bullet

Fiori bianco-rosa, di forma allungata, possono raggiungere i 20 cm.

bullet

Foglie caduche oblunghe-lanceolate.

bullet

Fiori maschili, di colore giallo-verdastri, presenti su tutta la lunghezza.

bullet

Fiori femminili, alla base raccolti in piccoli mazzi da 2-3.

bullet

Fioritura: Giugno - Luglio

AMBIENTE E AREA DI DIFFUSIONE

Il castagno diffuso negli ambienti collinari e montani fino a 800-1300 m nelle regioni settentrionali e fino a 1200-1300 m nell’Italia meridionale. Si trova nei boschi, generalmente su terreno acido. La Castanea sativa, ovvero Castagno europeo, presente in Italia, in tutta l’Europa meridionale e in parte del Nord Africa; altre specie diffuse sono: Castanea Crenata (presente in Giappone), Castanea mollissima blume (presente in Cina) e la Castanea dentata bolk (presente negli stati uniti orientali).

USI DEL CASTAGNO

Fin dall’antichità il castagno è stato coltivato a scopi alimentari, in quanto il suo frutto e la farina che se ne ricava hanno rappresentato una fonte alimentare primaria per le popolazioni delle zone montane e prealpine. Il pane ricavato dalla farina di castagne era in passato il cibo principale di molti cittadini dell’Italia settentrionale.

CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE

Colore ambra, più o meno scuro, con tonalità rossiccio/verdastre nel miele liquido; marrone se cristallizzato. Odore molto caratteristico: aromatico, pungente, acre, amaro. Sapore poco dolce, decisamente o molto amaro.

SCOPRI IL CASTAGNO DI PIANA MIELE